Migliaia di studenti coinvolti nei circa 3.000 moduli didattico-formativi, corrispondenti a 115 mila ore di lezioni.  La Regione Campania finanzia con 25 milioni di euro le attività pomeridiane culturali, sociali e sportive, promosse dalle nostre scuole.

«Con il progetto “Scuola Viva” si volta pagina — afferma il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca — e si realizza un intervento concreto per i giovani e le famiglie della Campania offrendo al tempo stesso l’opportunità di far emergere le potenzialità inespresse dell’universo scolastico campano e di contribuire a combattere la dispersione scolastica». «La Regione — aggiunge Lucia Fortini — ha assunto un impegno gravoso ed è riuscita a mantenerlo. Abbiamo avviato tutte le procedure e poi valutato in tempo utile le oltre 800 domande presentate: non era affatto scontato. Una buona notizia per chi lavora nella scuola come per i ragazzi e le loro famiglie. La selezione dei progetti — continua l’assessore — ha tenuto conto non solo della loro qualità ma anche del grado di dispersione scolastica dei diversi territori. L’apertura pomeridiana si pone, infatti, come misura di forte contrasto all’abbandono e al dilagare della criminalità giovanile grazie all’ampliamento e alla diversificazione delle attività educative e culturali nei quartieri e nelle frazioni della nostra regione. E rappresenta un’opportunità per le scuole campane d’innalzamento dell’offerta e delle competenze».