Un Istituto Superiore sì, ma anche un vero e proprio Polo Agrario è il PROFAGRI di Salerno: l’Istituto professionale che ha fatto dell’agricoltura, settore d’eccellenza campano, la propria unica vocazione.

Non più un Istituto Professionale per l’Agricoltura e l’Ambiente (IPAA), quindi, ma, dall’anno scolastico 2013/2014, una nuova identità e denominazione: PROFAGRI, appunto, con un nuovo collocamento, nel panorama scolastico della provincia di Salerno.

Con 7 sedi dislocate in tutta la provincia salernitana: Angri, Battipaglia, Castel San Giorgio, Capaccio, Fisciano, Sarno e Salerno l’Istituto ha partecipato a Scuola Viva focalizzandosi su ognuna con le proprie peculiarità territoriali. Come ha raccontato il Dirigente Scolastico Alessandro Turchi nel corso della mattinata di venerdì 26 ottobre, in presenza dell’Assessore all’Istruzione della Regione Campania Lucia Fortini, in occasione della mattinata di chiusura della Seconda Annualità de “Il Giardino dei Saperi”, il progetto Scuola Viva portato avanti con entusiasmo e competenza da docenti e studenti e che presto partirà per la sua Terza Annualità.

Un progetto che, nell’ottica dell’aggressione del fenomeno della dispersione scolastica, è volto sia ad allargare l’offerta formativa, approfondendo aspetti didattici, sia a raggiungere maggiori consapevolezze di sé e dell’ambiente che ci circonda.

Ecco, quindi, 6 moduli, dall’apprendimento dell’applicazione delle nuove tecnologie (come il volo dei droni) all’agricoltura, alla consapevolezza alimentare, alla coscienza ambientale. Dai moduli di orientamento a un vero fiore all’occhiello: il modulo di Vitivinicoltura, grazie al quale, con la terza annualità la scuola si arricchirà di attrezzature atte alla vinificazione.

 

 

Ebbene si, perché il PROFAGRI non è soltanto una scuola ma anche un’Azienda Agraria, il cui terreno agricolo è pari a circa 18 ettari, dislocati fra Salerno, Battipaglia e Capaccio.  A Capaccio, località Gromola, è presente la vigna da cui, grazie a Scuola Viva si ottengono vini Capoclasse e Penna Rossa, un Fiano ed un Aglianico che vengono venduti al pubblico negli store presenti in due sedi scolastiche.

Una filiera completa, dunque, quella messa in piedi dal PROFAGRI che forma i propri ragazzi, in una perfetta commistione con i moduli Scuola Viva, in un vero e proprio Giardino dei Saperi, con l’obiettivo di essere già oggi consapevoli delle proprie competenze e del valore delle eccellenze che grazie al lavoro specializzato e competente la nostra regione può vantare.