#LASCUOLANONSIFERMA. E NEMMENO LA CUCINA “VIVA” DEL ROSSI-DORIA DI MARIGLIANO

In queste settimane di “quarantena” forzata a casa in cui i social network sono diventati delle vere e proprie vetrine di gastronomia non è raro imbattersi in foto di pizze e dolciumi fatti in casa e però, se a mostrare le proprie creazioni al web sono gli apprendisti chef dell’Istituto Tecnico Commerciale “Manlio Rossi Doria” di Marigliano alla base di tutto non c’è la noia o la vanità bensì la necessità di svolgere un compito e ricevere per questo un voto e una valutazione. Nel caso degli studenti dell’indirizzo enogastronomico dell’Istituto, infatti, stante la modalità a distanza dell’attività didattica imposta dalla chiusura delle scuole e dall’isolamento in casa, la pubblicazione sulla pagina Facebook della scuola delle foto dei piatti preparati costituisce per i ragazzi una vera e propria “interrogazione” alla quale i docenti rispondono con voti e valutazioni.

https://www.facebook.com/IISROSSIDORIA/photos/pcb.2695046167289415/2695045877289444/?type=3&theater

È così che sono stati valutati i dolci all’acqua preparati dai ragazzi per il “Water Day”, i dolci tipici della tradizione campana confezionati per le festività pasquali e le varie preparazioni culinarie richieste man mano dai docenti. Non solo dolci, infatti.

https://www.facebook.com/IISROSSIDORIA/photos/pcb.2693540190773346/2693536424107056/?type=3&theater

Anche minestrone, sughi elaborati, amatriciana: si lavora a pieno ritmo nelle cucine delle case degli studenti destinate a sostituire per un bel po’ il laboratorio di cucina e pasticceria della scuola. “Il particolare momento che tutti stiamo vivendo non ha spento la grinta dei nostri ragazzi dell’indirizzo enogastronomico – si legge sulla pagina Facebook dell’Istituto – . Guidati dalla loro docente, la professoressa Ferretti, e dalla loro passione, gli studenti e le studentesse hanno lavorato nei loro laboratori domestici trasformando la lezione virtuale in prodotti da degustare rigorosamente a casa, deliziando i loro cari”.