FORMAZIONE DOCENTI SECONDARIA I E II GRADO: DEFINITI I NUOVI PERCORSI

È stato firmato il DPCM che definisce i nuovi percorsi di formazione dei docenti della Scuola secondaria di I e II grado. Il provvedimento è figlio di una articolata interlocuzione con la Commissione europea, del confronto con le Organizzazioni sindacali e delle indicazioni degli organi consultivi rappresentativi del mondo della scuola.

I nuovi percorsi formativi si concluderanno con un esame finale. Questo sarà costituito da una prova scritta e da una lezione simulata. Superato l’esame, i candidati conseguiranno la formazione professionalizzante delineata dagli standard minimi del docente abilitato.

Il percorso formativo standard prevede l’acquisizione di almeno 60 Crediti Formativi Universitari (CFU) o Crediti Formativi Accademici (CFA). Gli altri percorsi – da 30 o 36 crediti formativi, come riporta anche La Repubblica – sono destinati a chi ha già svolto almeno tre anni di servizio e a chi abbia conseguito 24 CFU/CFA, come previsto dal precedente ordinamento.

Il sistema di accreditamento è affidato all’Agenzia Nazionale di Valutazione del Sistema Universitario e della Ricerca (ANVUR). La stessa agenzia definisce i percorsi di contenuto, le procedure di monitoraggio sul livello qualitativo della formazione e la valutazione finale degli aspiranti docenti.

Gli stessi percorsi di formazione docenti per la Scuola secondaria di I e II grado saranno oggetto di una valutazione periodica ex post da parte dell’ANVUR. Fondamentale sarà il tasso di successo dei nuovi abilitati alle procedure di reclutamento per la scuola. Tale valutazione è finalizzata, infatti, a garantire l’omogeneità della qualità dell’offerta formativa da parte delle università.