Sono cinque i concorsi della 20esima edizione del Napoli Film Festival, con oltre 100 opere in gara provenienti da tutta Europa e dal Mediterraneo. Oltre i due concorsi dedicati uno ai giovani registi europei, uno ai videoclip, ci sono i 3 concorsi “Schermo Napoli” uno dei quali è interamente dedicato alle scuole. Con 29 opere provenienti dalle scuole elementari, medie e superiori della Campania.

Tra questi 29 video, ben 4 sono il frutto di laboratori Scuola Viva!

I quattro prodotti presentati sono stati realizzati nell’ambito di laboratori di educazione all’audiovisivo realizzati nelle due annualità di Scuola Viva. A darci la buona notizia l’associazione culturale TYCHO partner che ha lavorato alla realizzazione dei video, raccontandoci che tutti i bambini e i ragazzi coinvolti hanno contribuito a tutte le fasi di realizzazione: la scelta dell’idea, la scrittura della sceneggiatura o del trattamento, la scelta delle location, le riprese, ecc. Durante le riprese sono stati sia attori che componenti della troupe tecnica e hanno potuto confrontarsi con quelli che sono i mestieri del cinema.

Un’esperienza bellissima e importante, dunque, che culmina con la proiezione (che sta avvenendo proprio oggi) e la partecipazione a un concorso importante come il Napoli Teatro Festival.

Ma andiamo a vedere quali sono i titoli, i temi trattati e chi ha realizzato questi cortometraggi, documentari e una video-poesia.

Aloucs
(Italia, 2017, 8’48’’)
Realizzato in partenariato con l’I.C. Giovanni XXIII, Santa Maria A Vico (Ce)
Annualità Scuola Viva: 2016/2017. Progetto: “Comunico ergo sum

Preside: Carmen Crisci
Regia: Flavio Ricci, Luca Micione Silvestre.
Laboratorio a cura di: Paola Savinelli, Flavio Ricci, Luca Silvestre, Giovanna Dipalma, Antonio Della Ventura.

Cortometraggio.
Una scuola a misura di social è davvero il tipo di scuola più adatta per alunni e professori? Giulia forse ha la risposta a questa domanda…
L’idea di Aloucs (scuola al contrario) è venuta ai ragazzi durante una sessione di brainstorming in cui raccontavano di come dovrebbe essere la scuola secondo loro, lamentandosi, va da sé, della stigmatizzazione dell’uso dei cellulari. Allora partendo dal brano sul paese dei balocchi di “Pinocchio” di Collodi, attraverso l’immaginazione di un’alunna, il corto si traduce in un parallelismo tra i nuovi “balocchi” ovvero la tecnologia che, senza la scuola, porta a una generazione di “asini”.

 

Elogio dei piedi (omaggio a Erri De Luca)
(Italia, 2018, 2’22’’)
Realizzato in partenariato con l’I.C. Giovanni XXIII, Santa Maria A Vico (Ce)
Annualità Scuola Viva: 2017/2018. Progetto: “Comunico ergo sum – II annualità

Preside: Carmen Crisci
Regia: Giuseppe Sagnelli
Laboratorio a cura di: Paola Savinelli, Giuseppe Sagnelli, Antonio Della Ventura

Video-poesia.
I piedi ci insegnano quanto è faticoso, ma bello camminare sulla terra. Erri De Luca elogia una parte del corpo fondamentale eppure spesso svilita, proprio come alcuni fanno con se stessi o con gli altri negli anni difficili dell’adolescenza.
La realizzazione della video-poesia nasce all’interno del laboratorio di alfabetizzazione al linguaggio audiovisivo con la finalità di abituare i ragazzi a transcodificare le parole e a trasformarle in forma visiva e di evidenziare l’importanza del lavoro di squadra.

 

sensAzioni
(Italia, 2018, 17’)
Realizzato in partenariato con I. C. D’Aosta, Ottaviano (Na)
Annualità Scuola Viva: 2017/2018. Progetto: “Luci della città

Preside: Michele Montella
Regia e laboratorio a cura di: Giovanna Dipalma, Flavio Ricci

Documentario.
Attraverso dei giochi sui cinque sensi i bambini raccontano a parole loro, fra incertezze e sorrisi, le immagini generate dagli stimoli forniti. Condotti nelle strade di Ottaviano, poi, imparano ad osservare il mondo con più attenzione proprio attraverso i sensi, a costruire ricordi, a utilizzare consapevolmente parole e immagini per raccontare storie.

 

Sirena
(Italia, 2018, 10’42’’)
Realizzato in partenariato con la Scuola Media Statale G. Pascoli, Torre Annunziata (Na)
Annualità Scuola Viva: 2017/2018. Progetto: “Comunic’arte II annualità – Sognando il Mediterraneo

Preside: Daniela Flauto
Regia: Marinella Ioime
Laboratorio a cura di: Marinella Ioime, Giovanna Dipalma

Cortometraggio.
Una ragazza si trasferisce a Torre Annunziata. L’integrazione con gli altri risulta difficoltosa e ben presto si troverà ad infrangere un divieto…
Il tema del cortometraggio è nato da una riflessione sul tema del mare. I ragazzi hanno scelto come protagonista una figura presente da millenni nell’immaginario campano e non solo. Lo sviluppo della storia contiene allusioni e riferimenti ad alcuni episodi leggendari e storici della città legati, appunto, all’elemento marino e rispecchia metaforicamente la fase adolescenziale vissuta dai ragazzi, in cui verranno chiamati a superare con coraggio impedimenti e convenzioni, quando questi si riveleranno privi di fondamento e bloccheranno la loro crescita.